Un banale anno scolastico. Il diario di Melania

 

UN BANALE ANNO SCOLASTICO – IL DIARIO DI MELANIA”, ED. PIAZZA, 2022

I nonni rappresentano le radici e la storia della famiglia, sono la pianta che ha buttato tanti rami: figli, nipoti, bisnipoti… Il legame con i nonni e con gli anziani resta molto importante per la crescita e la maturazione dei giovani: il loro ruolo non deve essere perciò quello di semplici “badanti” dei nipoti mentre i genitori lavorano, ma quello di attivi collaboratori nella loro educazione.

Tutto questo e molto altro viene raccontato in “Un banale anno scolastico – Il diario di Melania”, ed. Piazza, l’ultima fatica di Daniele Cunial, ex docente e dirigente scolastico. Vi sono infatti fissati i ricordi di una ragazzina quattordicenne-quindicenne che, nel momento di passaggio dall’infanzia all’adolescenza, scrive in quelle pagine le sue esperienze di acerba adolescente: rapporti con la famiglia, vita di scuola, amicizie, sentimenti, primi amori. È un libro che parla di continuità della vita e di legami fra generazioni; può toccare corde nascoste e far fremere e riflettere non solo i giovani, ma anche i genitori, i nonni e gli adulti in genere.

E, come nei migliori romanzi che si rispettino, non mancano, accanto ai momenti felici, le situazioni drammatiche, le avventure e i colpi di scena.

L’autore in questo diario delinea con acume e semplicità nello stesso tempo quella che è la psicologia dell’adolescente dei nostri giorni: non con il supporto di ponderose e noiose disquisizioni, ma attraverso il diario di una ragazzina che scrive tra la fine della terza media e l’anno scolastico di prima superiore. Un diario di rapida e scorrevole lettura dove i dialoghi la fanno da padroni rispetto alle descrizioni e al tono da trattato: dialoghi come quelli degli adolescenti di oggi, abituati al linguaggio della TV e dei social. Eppure, attraverso l’apparente semplicità, vengono veicolati messaggi che riguardano i valori e l’impostazione della vita. Scorrevole e volutamente semplice lo stile, ma non semplice e scorrevole il percorso delle esperienze che vi si descrivono. Accanto a momenti di gioia e di ilarità, vi si ritrovano momenti duri e drammatici.

Ma il tema dominante non è quello del pessimismo e della disperazione. In fondo al tunnel, come si suol dire, c’è la speranza, c’è la possibilità di costruire un percorso di vita, accidentato sì, ma con basi solide e positive. Un messaggio soprattutto per i giovani, ma anche uno strumento efficace di riflessione per genitori, nonni ed educatori. Oltretutto la presenza dei nonni nella crescita dei ragazzi vi appare fondamentale.

Venerdì 3 marzo, ore 20.30, al Centro Formazione Professionale di Fonte (TV) Piazza S.Pietro 9,
il Gruppo Folcloristico “I Posagnòt” allieterà la presentazione del libro intercalando alcuni brani del suo repertorio.


INGRESSO LIBERO

2 pensieri su “Un banale anno scolastico. Il diario di Melania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *